Immobile

Abbott Handerson Thayer 69 / 92 Copperhead Snake on Dead Leaves (1915)

Immobile
sosto nel mio essere
isolata in un cerchio stretto
tra un carico di briscola
e un lungo arrocco
guardo le rondini
volare da lì a qui, da qui a lì.
Non ho pianto per questi morti
ma la mia voce non riesce a tacere
la ferita è più d’una
per individui distinti
colpiti
con l’inganno nel vento
da un invisibile vuoto.
Forse è arrivato il momento
di non vedere
dopo il silenzio è tornato l’affanno
per altri forse, ma non per me
che se vedo, guardo
e non c’è conforto alla tristezza
con solo il cielo negli occhi
rimango ferma nel giorno.
Non c’è altro tempo
che possa passare
nulla potrà riprendere quei passi
perché sono morti,
incredibilmente morti.

Contatore per sito
Questo articolo è stato pubblicato in Rapsodie ed etichettato .

10 commenti su “Immobile

  1. silviatico ha detto:

    Un canto”immobile”oserei definirlo, se non altro per il falso movimento che si intuisce, a partire dal volo delle rondini, per poi sfociare in una chiusa ancor più irrigidita nel rigor mortis che conferma l’impossibilità di un’azione, seppure interiore.
    Sempre bello leggerti.

    Piace a 1 persona

  2. SaraTricoli ha detto:

    mi sono commossa… bellissima, straziante ma tanto vera!
    un abbraccio ❤

    Piace a 1 persona

  3. atmosferepoetiche ha detto:

    Siamo rimasti soli a contare i morti con la morte nel cuore e il sole negli occhi ed è come essere accecati da questa furia che ha solo silenzi mentre i perdenti sono sempre gli stessi.
    E adesso nulla ci distrae più a lungo di un volo di rondini o di un vento che somiglia agli affanni o di una voce che non riesce ad uscire. Filippo

    Piace a 1 persona

  4. Massy ha detto:

    Leggendo questa poesia ho collegato le parole alle 43 vittime del ponte Morandi di Genova. Non so quale cosa mi abbia spinto ad ottenere questa sinergia mentale ma è stato qualcosa di molto forte.

    Piace a 1 persona

  5. Seidicente ha detto:

    Sono numeri senza peso oramai e io questo non riesco a sopportarlo. Non ce la faccio proprio.

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.