Avrei voluto

Egor Shapovalov

 

Sono passata a trovarti oggi
solo per chiederti scusa
perché non c’ero e non ci sono stata
forse non l’avresti neppure voluto
ma nella semplicità della vita
adesso le parole sono solo mie;
tu non puoi sentirmi
– almeno credo
tu non puoi vedermi
– almeno penso.

Passo attraverso le fresche fontane
i miei ricordi sono confusi
scusa, mi concentro
ma non so bene quel che è prima
o quel che è dopo,
questa pellicola mi gira nella testa,
ti sarebbe piaciuta
– penso
parla di te e di me, del mio e del tuo.
Dice che sei stato la mia vita
per tanto tanto tempo.

Tra le mie parole e il tuo silenzio
scorrono tutti questi anni
eppure siamo di nuovo vicini:
tu che voli al di là del mondo
e io che mi chiudo nel cuore di un fiore
sempre più grigio.
È il tempo dell’avrei
del vorrei tanto
– mi dispiace –
sfioro la tua foto,
ormai più nulla verrà fuori da qui
ma avrei voluto, credimi
avrei voluto.

 


Contatore per sito

Annunci