Forse un mattino andando in un’aria di vetro [di Eugenio Montale]

Forse un mattino andando in un’aria di vetro,
arida, rivolgendomi, vedrò compirsi il miracolo:
il nulla alle mie spalle, il vuoto dietro
di me, con un terrore di ubriaco.

Poi come s’uno schermo, s’accamperanno di gitto
alberi case colli per l’inganno consueto.
Ma sarà troppo tardi; ed io me n’andrò zitto
tra gli uomini che non si voltano, col mio segreto.

 


Montale – Ossi di seppia


 


Contatore per sito

Annunci
Questo articolo è stato pubblicato in Dialoghi ed etichettato .

3 commenti su “Forse un mattino andando in un’aria di vetro [di Eugenio Montale]

  1. L'Irriverente ha detto:

    Ricordavo questa poesia di Montale da una lezione di scuola: potremmo dire che sia il racconto di una tentazione, una tensione verso la “cosa-in-sé”, negli esiti più pirandelliana che kantiana; ma facendo attenzione a non finire come Vitangelo Moscarda, pur avendone ripetuta l’esperienza, o come il prigioniero della caverna platonica. Meglio andarsene “zitto”, tenere il “segreto”: il mondo spesso non è pronto.

    Piace a 1 persona

  2. tachimio ha detto:

    Grazie per questa bella poesia di Montale. Un bel regalo davvero. Ti auguro di passare una buona Pasqua. Con affetto ti stringo in un abbraccio. Isabella

    Piace a 1 persona

  3. Matteo ha detto:

    Ho amato Montale…
    A scuola lo portai agli esami.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.