Una rosa

The new eve – Sandor Bortnyik

 

Questo giorno
sarà presto un ricordo
come l’aria fresca
di un autunno sprecato
e osservato attraverso uno specchio.

Quel giorno
ciò che vedrò non sarà vero
ma di certo sarà mio
inventato ed estraneo
al mondo dei vivi
che tanto esige
e tanto vuole da me
che sulla soglia del tempo
mi sono fermata
per fare di una spina
una rosa.

 


AC/DC – Thunderstruck


 


Contatore per sito

Annunci
Questo articolo è stato pubblicato in Rapsodie ed etichettato .

12 commenti su “Una rosa

  1. Sara Provasi ha detto:

    Che bella!! E il quadro ci sta benissimo 👌🔝

    Piace a 1 persona

  2. titti onweb ha detto:

    ho i brividi per questa poesia, per quello che mi arriva di te da queste parole. Tutta la mia stima!

    Mi piace

  3. L'Irriverente ha detto:

    Ongi tanto bisogna anche riposarsi da queste esazioni così tediose. Come diceva la Lucy dei Peanuts: “Fermate il mondo, voglio scendere!”.

    Mi piace

  4. brigi1969 ha detto:

    La spina
    solo un fermo-immagine
    un fermo-immagine

    Piace a 2 people

  5. carlotta ha detto:

    Non tutte le spine vengono per nuocere…

    Mi piace

  6. mariannecraven ha detto:

    Le tue poesie arrivano sempre al cuore, questa mi ha toccato particolarmente, mette i brividi alla pelle, trasformare la spina in una rosa … non sempre si può, mentre si aspetta il proprio tempo e il proprio spazio … non semplice, non facile … un’intensa emozione … Ti abbraccio forte. 🙂 ❤ 🙂

    Piace a 1 persona

  7. atmosferepoetiche ha detto:

    Non importa a quale giorno si appartiene, se è vero o falso , se si smaglia alla luce o se fugge dal vento, giacché il tempo è una nostra invenzione e non è il tempo a passare , ma siamo noi a narrarci alla vita finché la nostra stagione non si esaurisce .

    Piace a 1 persona

  8. isidoromartinelli ha detto:

    bella la metamorfosi della spina !

    Piace a 1 persona

  9. beacicie ha detto:

    Complimenti per questa poesia, e grazie. Mi conforta sapere che non sono l’unica a sentire la pressione del “mondo dei vivi”, “che tanto esige” sebbene poi tutto si ridurrà ad “aria fresca”. La leggo come un invito a fermarsi e prendersi cura delle proprie ferite, che se non altro contribuiscono a renderci quello che siamo.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.