Hikikomori

Suzanne Duchamp – Solitude entonnoir

Parlo ad altri che non conosco
con parole che a stento pronuncio
e non è difficile capire
quanto è stupido sperare
perché non vedono al di fuori del sé
non sentono che le loro stesse voci
e il mio profilo non è che un’ombra
sulla loro strada e anch’io
guardo altrove
mai dentro i loro stessi occhi
dal fondo di una vita assente
senza spazi nel cuore
e di ieri che importa e di domani nemmeno
e penso e ripenso, rifletto
sulla nostra forza
forse sulla nostra debolezza
in questo giorno che diventa vecchio
e che avanza come un viaggiatore sconosciuto
a me e a loro.

 


Earl Hooker – Wah Wah Blues 7′


Annunci