Angina Pectoris [di Nazim Hikmet]

wp-1453154672383.png

Se qui c’è la metà del mio cuore, dottore,
l’altra metà sta in Cina
nella lunga marcia verso il Fiume Giallo.
E poi ogni mattina, dottore,
ogni mattina all’alba
il mio cuore lo fucilano in Grecia.
E poi, quando i prigionieri cadono nel sonno
quando gli ultimi passi si allontanano
dall’infermeria
il mio cuore se ne va, dottore,
se ne va in una vecchia casa di legno, a Istanbul.
E poi sono dieci anni, dottore,
che non ho niente in mano da offrire al mio popolo
niente altro che una mela
una mela rossa, il mio cuore.
E’ per tutto questo, dottore,
e non per l’arteriosclérosi, per la nicotina, per la prigione,
che ho quest’angina pectoris.
Guardo la notte attraverso le sbarre
e malgrado tutti questi muri
che mi pesano sul petto
il mio cuore batte con la stella più lontana.


 

Il tempo tace

Immagine di Henthorne  [Instagram]

Immagine di Henthorne [Instagram]

Il tempo tace, tace su di noi
su ciò che siamo stati,
tace sulle vie romantiche di un tempo
passa sopra i nostri passi
indifferente, incurante
del tuo sfiorarmi,
guardarmi, toccarmi
ogni giorno, ogni notte.
Ignora le nostre voci
noi che abbiamo cantato,
strillato alla luna
sotto un cielo di gelate stelle
noi che correvamo nella nebbia
rispondendo affannati all’eco della valle
noi che dominavamo sulle luci del mondo
facendo a gara sugli ululati dei lupi.
Il tempo tace e non ascolta,
sordo al mio richiamo
dalle terre lontane
l’eco non risuona più sulla valle
e io lo so, perché sono ancora lì.


 

Da quel giorno che te ne sei andato

Se dovessi raccontarlo a te, che sei solo il frutto della mia fantasia, non saprei da dove iniziare.
[Seidicente]

Paranoid - Litosfera [Digital Art]

Paranoid – Litosfera [Digital Art]

Da quel giorno che te ne sei andato
è come se in ogni sole che sale
ogni ora e ogni minuto
non sono né ora, né adesso.
Io non lo sapevo.
Non so neppure perché
solo oggi sto piangendo – in silenzio,
chiusa sola nella tua stanza.
La mia colpa è bianca
come è bianco questo foglio,
pallido come il tuo viso
in quel giorno che te ne sei andato.

07/01/2014


 

Nick Drake – From The Morning