24 commenti su “Mi manca

  1. Le parole servono per comunicare, ad ogni parola corrisponde un solo significato che riempie la stessa di valore. Una volta le parole venivano usate con parsimonia perché avevano un valore che richiedeva l’impegno, una volta pronunciate, di mantenere quello che rappresentavano.
    Oggi invece le parole, non avendo più il loro significato originario vengono usate a dismisura, perdendo cosi di fatto, il “sapore” che danno a ciò che si desidera comunicare, come ad esempio: Cara, Amore, Ti voglio bene, Meraviglia, Felicità e via via continuando all’infinito.

    Sull’uso della parola Chomsky cosi si esprimeva:

    Parlare in modo complicato, utilizzare parole difficili sta a segnalare che si fa parte dei privilegiati, si viene invitati ai convegni, coperti di onori. Ma bisogna chiedersi se tutti quei discorsi hanno un contenuto, se non si riesce a dire la stessa cosa con parole semplici. Questo è quasi sempre possibile.

    Ciao 🙂

    Liked by 3 people

    • Da un po’ di tempo avvertivo una sensazione. Non riuscivo a definirla. Come fosse un senso di solitudine o isolamento, se vogliamo. Ma non era questo. Non riuscivo proprio a capire, ad entrarci dentro. Una mancanza ecco, come quando sai che non puoi o non vuoi proprio condividere e improvvisamente…dinanzi a me, il sapore delle parole.

      È vero Nico, le parole sono importanti, ma il loro sapore è un’altra cosa.

      Ciao 🙂

      Liked by 2 people

  2. Parole piene o che riempiono la bocca (es.: abbi);
    parole di sussurro (…alito) o in musica (…alitato) o musicali (…alitante).
    Il contesto nel quale le parole nascono è sempre interiore, fa parte di una sensibilità adornata di bagaglio culturale ma non solo…
    In questo momento sto patendo di un dolore sordo, proprio nell’aver lasciato andare una persona che me lo chiedeva: ha un’anima gentile che terze persone hanno contribuito a confondere. Io mi ero innamorata della bellezza di quell’anima e del fatto che nessuna bruttura della vita l’aveva resa cattiva. Mi sono innamorata del suo poetare, magnifico anche se chiuso in un ermetismo con chiave di lettura sempre definita nel timbro e spesso indefinibile nei contenuti.
    Me ne sono innamorata spiritualmente, poiché non sono omosessuale e questa persona è una donna (anzi, una mamma, che è per me valore aggiunto e mai scontato)…
    Queste parole mi hanno riportato al suo ambiente emotivo, ad un periodo difficile che sta attraversando, addosso alle spalle insieme agli altri.
    Ognuno ha il suo bagaglio, fatto di pesi e di leggerezze. Spero col cuore che le parole ritornino nella sua vita.
    Spero di cuore che le parole rientrino anche nella tua, se in questo pensiero è diapositiva di un tuo essere, ora.
    In questo momento di aridità che da un po’ di mesi m’impedisce di scrivere, spero che le parole rientrino anche nella mia, poiché anche a me stanno mancando.
    Questo tuo pensiero mi ha preso come se mi trovassi davanti ad una foto di me, o peggio, davanti allo specchio in questo preciso momento.
    Scusa per queste troppe parole, scusa per aver tirato fuori questo sfogo e ti mando un abbraccio ed un grazie per questo dono di riflessione.
    Brigida.

    Liked by 4 people

    • Ciao Brigida,
      la realtà che viviamo ci impone sempre, in un certo qual modo, la sua misura. Sono confini severi e rigorosi entro cui vivere i nostri sentimenti e le nostre emozioni. Sono confini stretti e angusti su cui giace il nostro cuore che diversamente volerebbe sino alla luna e oltre.
      Altre volte, addirittura, sembra quasi che quello che siamo o diciamo riesca poco ad influire su quel che vogliamo. I cuori altrui viaggiamo per altre strade o incrociano la nostra senza alcuna volontà o imposizione. Non è quello che dicono gli altri che condiziona i loro cuori e la nuova strada non è diversa dalla vecchia se la scelta segue un percorso già vissuto.
      Sei entrata nel mio pensiero e nelle mie emozioni manifestando una sensibilità acuta, riuscendo a penetrare i miei sentimenti. Quel che hai scritto non è un caso, quel che mi hai raccontato manifesta il tuo desiderio, quel desiderio di identificazione che sembra dirmi: io ti capisco…io so quello che stai provando. Per questo mi hai raccontato la tua esperienza, le tue emozioni…i sentimenti che stai vivendo adesso. Lo hai fatto, credo, per rinforzare il tuo momento e il mio momento.
      Questi istanti che stiamo vivendo, queste emozioni, in un certo qual modo ci fanno sentire vicine e ti ringrazio…ti ringrazio veramente tanto perché oggi mi hai donato un pezzettino del tuo cuore.
      Forse un giorno parlerò e ricomincerò a scrivere e a raccontare di questi tempi che sto vivendo, ma per adesso non riesco, e so che ancora mi mantengo su quel confine da cui ogni tanto il mio cuore cerca e trova uno squarcio verso cui guardare.

      Ti mando un bacio enorme 🙂
      Giuliana

      Liked by 4 people

  3. Sapore di una parola…
    Spesso la gente usa parole senza conoscerne il significato o senza pensarla davvero, trascinato dall’ipocrisia che è tipica della società. Il sapore di una parola esiste quando la si pensa davvero, quando è scritta con passione e quando si apprezza davvero quello che si fa. Anche nella scrittura stessa ormai spesso non si vede la vera passione dello scrittore

    Liked by 1 persona

  4. Breve ma profondo..
    Non ho parole nemmeno io.. Davvero complimentissimi!
    Le parole sono sopravvalutate,perchè possono essere dette come captatio benevolentiae oppure solo per farsi belli agli occhi degli altri…
    È un dono e arte invece saper usare anche solo due parole all’apparenza sconnesse tra di loro,ma pieni di sentimento e carichi di significato..

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...